Pubblicazioni

Pubblicazioni / 21.07.2014

Il 6 aprile 1977 Aldo Moro, Presidente nazionale della DC, si reca a Firenze ad una manifestazione contro il terrorismo.

Moro parla a braccio. Non esiste testo scritto. Il discorso è ritrovato, con grande difficoltà, attraverso il nastro registrato, dalla DC fiorentina nel luglio 1982 ed è pubblicato integralmente su ‘Il Popolo’ dell’8 agosto 1982.

Proviamo ad inquadrare storicamente il tempo nel quale si inserisce questo pregevole intervento, premonitore di una violenza inaudita, ma foriero di sentimenti positivi e di speranza nel domani.

L’Auditorium del Palazzo dei Congressi è stracolmo di gente. Quello che è stato pensato come evento di partito si trasforma nella risposta civile e democratica dell’intera Firenze al terrorismo e alla violenza. Il palazzo dei Congressi è pieno di dirigenti ed attivisti degli altri partiti.

Moro ringrazia e saluta il sindaco comunista Elio Gabbuggiani, impedito ad Esserci. Ha scritto una lettera di solidarietà e vicinanza alla DC, anche a nome del Consiglio Comunale di Firenze.

A Firenze nei mesi precedenti l’evento ci sono stati pestaggi di militanti democristiani, sei sedi DC sono incendiate nella notte del 3 aprile, una bomba sotto la sede della DC provinciale, in via Cavour, è disinnescata all’ultimo momento.

La DC risponde con una analisi lucida ed attenta del suo uomo migliore, capace di autocritica, ma pronto ad interrogarsi sul come rispondere democraticamente a forme di violenza ed intolleranza inaudita. Non si tratta solo di condannare, ma di studiare come evitare che il terrorismo trovi sponde nella popolazione e rilanciare l’insieme della partecipazione democratica attraverso lo Stato, i partiti, i sindacati, l’associazionismo.

 

Scarica la versione integrale del libro

Pubblicazioni / 01.03.2008

L’anno 1988, quando “Il Confronto” fu fondato è lontanissimo. Sembra quasi preistoria, eppure trattasi di vent’anni fa. Nel mondo tutto è cambiato. Terlizzi è cambiata. Noi siamo cambiati. La volontà di pubblicare questo libro per rivisitare gli avvenimenti verificatisi a Terlizzi durante questi

Scarica la versione integrale del libro

Pubblicazioni / 01.03.2008

La Segreteria Provinciale del Partito Democratico di Barletta, il 14 febbraio 2010, ha organizzato un convegno sul tema: “1978-2010 Aldo Moro - l’Uomo il Politico.

Al dibattito hanno partecipato: il Sindaco di Barletta Nicola Maffei, il Segretario PD di Barletta Luigi Terrone ed il Segretario Provinciale PD della BAT Ruggiero Mennea.

Sono intervenuti ed hanno relazionato: l’Onorevole Gero Grassi, Parlamentare PD e Vicepresidente Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati ed il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola.

Per non disperdere il lavoro di tale convegno e per dare la possibilità a quanti non hanno avuto modo di parteciparvi, di apprendere le importanti riflessioni maturate in un dibattito aperto e condiviso, gli interventi dei relatori sono confluiti in una pubblicazione edita dalla Cooperativa Culturale RTS.

La pubblicazione è stata realizzata dal Consigliere Regionale Ruggiero Mennea e dall’On. Gero Grassi, da sempre studioso della figura politica di Aldo Moro. Il libro arricchisce la già copiosa mole documentaria sullo Statista pugliese.

 

Scarica la versione integrale del libro

Pubblicazioni / 01.03.2008

È la storia del Fascismo, vissuto da famiglie povere in un contesto periferico della nazione.

È la storia di tanti giovani caduti in guerra, ma anche la storia dei primi passi della democrazia e delle iniziali manifestazioni libere di pensiero e di azione di una generazione non educata che vive sul campo il prezzo ed il costo della libertà e della democrazia.

Il romanzo parte nel 1924, poco dopo la Marcia su Roma. Si sviluppa attraverso gli anni del massimo consenso del regime, del colonialismo, della guerra, dell’avvento della Repubblica e delle elezioni del 1948 che sanciscono il trionfo della D.C.

 

Scarica la versione integrale del libro

Pubblicazioni / 01.03.2008

Sono passati trent’anni dalla morte violenta dell’onorevole Aldo Moro e tantissimo è stato scritto e detto. Durante le lunghe giornate passate nell’Aula di Montecitorio, ascoltando la discussione su alcuni provvedimenti del Governo Berlusconi, spesso approvati con il ricorso al voto di fiducia e con l’insolito strumento legislativo del Decreto Legge, ho riflettuto su quanto ascoltavo e vedevo.

Scarica la versione integrale del libro