Articoli

Comunicati Stampa / 27.11.2009

 
 
Interviene l’on Gero Grassi, componente della Direzione nazionale PD
  
Domenica 29 novembre l’on. Gero Grassi, componente della Direzione nazionale PD, sarà a Pesaro per un convegno organizzato da Quarta Fase Giovani sul tema: “Costruiamoci il futuro”.
L’evento organizzato presso la Sala del Consiglio Provinciale di Pesaro, metterà attorno al tavolo della discussione personalità del mondo politico  e della società civile.
L’apertura dei lavori è alle ore 10,45 . I molti interventi previsti, si susseguiranno sino alle ore 18,00.
Interverrà l’on. Pierluigi Castagnetti, Presidente della Commissione “Codice Etico” del PD.
Quarta Fase nel suo Statuto afferma: “La persona umana, opportunamente sostenuta e stimolata.......
 
Comunicati Stampa / 27.11.2009

 
 
A Roma presso la Camera dei Deputati, gli onorevoli Gero Grassi, Ludovico Vico e Pierpaolo Baretta hanno incontrato una folta delegazione di lavoratori provenienti da tutta Italia dell’Azienda “Tributi Italia”, la più grande società di riscossione di tributi comunali operante su tutto il territorio nazionale.
L’Azienda  “Tributi Italia” ha 1000 dipendenti che rischiano il posto di lavoro, 500 comuni che rischiano il dissesto finanziario, milioni di euro di debito......
Comunicati Stampa / 27.11.2009

 


Grassi auspica un PD che interpreti il comune sentire per i pugliesi
 
 
“Il PD sia asse centrale di una larga coalizione di Centrosinistra e nella individuazione del candidato Presidente interpreti il comune sentire della popolazione pugliese, senza inseguire le alchimie della politica salottiera e di quella che al centro pone gli interessi forti.”
Comunicati Stampa / 27.11.2009

 

Lo afferma in una nota l’on. Gero Grassi Vicepresidente della Commissione Affari Sociali della Camera
 
 
“Il Senato ha posto un freno alla commercializzazione della pillola abortiva Ru486.
E’ un argomento che implica fortissima tensione etica, sul quale è difficile trovare pareri unitari.
La pillola Ru486 è stata introdotta in alcuni paesi d’Europa e negli Usa tra il ’90 ed il 2000.
E’ giustissimo andare di pari passo con la scienza. Ma altrettanto giusto è analizzare una problematica così complessa nella sua interezza. 
Si dovrebbe fare di più per favorire la maternità e paternità consapevole. L’aborto con qualunque mezzo venga provocato, sia esso chimico o chirurgico provoca una profonda ferita nell’anima, che il tempo attenuerà, ma non rimarginerà mai.
Non si deve avere il timore di favorire l’informazione che riguarda temi legati alla sfera sessuale. 
Educare ad una maternità e paternità consapevole e favorire l’informazione circa i metodi contraccettivi è la via da seguire per ridurre il ricorso all’interruzione della gravidanza, che è sempre un evento doloroso per la donna.”
 
Comunicati Stampa / 27.11.2009

 
L’on. Gero Grassi ad un convegno il 30 novembre a Bari
  
 Nel 2008 sono stati diagnosticati 6,7 nuovi casi di HIV positività ogni 100.000 abitanti, un dato che colloca l'Italia fra i Paesi dell'Europa occidentale con un'incidenza di HIV medio-alta. E' quanto emerge dalle cifre fornite dal ministero del Welfare e della Salute in occasione della presentazione della campagna del 2009 "Aids: la sua forza finisce dove comincia la tua. Fai il test!". Campagna che prenderà il via in concomitanza con la Giornata Mondiale Aids del 1° dicembre.
L’on. Gero Grassi, Vicepresidente della Commissione Affari Sociali della Camera, in una nota afferma che non bisogna mai abbassare la guardia nei confronti dell’AIDS, malattia che miete ancora moltissime vittime nel mondo, in particolar modo nei paesi poveri........
Comunicati Stampa / 23.11.2009

di Gero Grassi - Vicepresidente Commissione Affari Sociali della Camera
 
 La “Questione meridionale” da decenni viene affrontata senza giungere a soluzione.
Molto dipende dai problemi storici insiti in una terra che ha ereditato dall’Unità d’Italia solo fame e miseria, ma tanto dipende dalla residualità a cui è stata relegata da molti Governi che si sono avvicendati, perché geograficamente scomoda.
Oggi si scopre il Mediterraneo e la posizione a sud dell’Italia sembra non essere più un limite, anzi un vantaggio da “sfruttare”. Un passo in avanti quindi, ma ne serviranno ancora molti per percorrere la strada che c’è da fare.
 E’stato presentato il rapporto Svimez (Associazione per lo sviluppo dell’industria nel mezzogiorno). I dati sono stati confermati da una ricerca di Confindustria sull’economia del Mezzogiorno. In sintesi si afferma che a 150 anni dall’Unità d’Italia, il sud non ha ancora superato il gap, anzi il divario tra le regioni a nord della capitale e quelle a sud, per certi versi si è aggravato. Si ha percezione del problema, si tenta una risoluzione, ma ciò che salta agli occhi è la confusione che governa il tutto......
Comunicati Stampa / 23.11.2009

 
 
Lo ricorda l’on. Gero Grassi-Vicepresidente Commissione Affari Sociali della Camera
 
 Il 21 novembre 2009 è venuto a mancare all’affetto dei suoi cari l’ing. Cesare De Chirico, nato il 9 Maggio 1937, figura politica di spicco del panorama cittadino per oltre un ventennio.
Ripercorrendo la sua vita politica, si può constatare la ricorrente presenza nelle amministrazioni locali che si sono susseguite dall’inizio degli anni ’70 fino agli anni ‘90.
Volendo usare la simbologia e racchiudere in una cifra il suo contributo alla vita politica terlizzese, dovremmo dire 26. Sono infatti questi gli anni in cui “Cesarino”, come tutti lo chiamavano, è stato presente in Consiglio comunale. Ogni qual volta c’è stato il rinnovo della compagine amministrativa, la sua candidatura ha raccolto sempre largo consenso.
 
sanità / 23.11.2009

di Gero Grassi-Vicepresidente Commissione Affari Sociali della Camera
 
 “Sono stanca di combattere contro il cancro con la mia pelle e con le mancanze di questo maledetto ospedale. Abbiamo tutto, ma non abbiamo il test di Fischer che ci legge l'aggressività del tumore. E ogni volta queste donne con i vetrini si devono sbattere per l'Italia per fare questo esame richiesto dall'ospedale stesso, poiché importante per impostare la chemioterapia. Sono esausta. I miei cancri aumentano ed io mi sento così inutile. Ho tanta paura di morire e di non aver lasciato nessun segno. Neanche migliorati i servizi sanitari, quelli più banali. Sono arrabbiata come non lo sono mai stata. Sono triste. Vorrei essere potente. Stare in alto. Contare qualcosa per poter fare qualcosa.   Vorrei stare al tuo posto per gridare ed ottenere. Dal mio posto posso solo gridare, che disperazione. Ho aperto il mio cuore a te ed esternato le mie debolezze a te solo, perché ti stimo.”
Antonia Siena.
Questo è il messaggio pervenutomi da Antonia.
Il mio essere uomo sensibile, prima che politico con un ruolo istituzionale, mi impone grande impegno su una tematica che certamente sta a cuore non solo ad Antonia Siena, ma a tutte le donne, che come lei, vengono inaspettatamente travolte da una malattia che non permette indugi e va combattuta con tutte le armi a disposizione.