Articoli

PD / 15.12.2009


Nel Pd più vicina la ricucitura con Vendola
 
BARI - La svolta di sabato al kursaal raccoglie subito consensi nel Pd, avvitato alla ricerca di un nome da anteporre all’autocandidatura di Nichi Vendola. E nel Pd pugliese, indebolito nella ricerca di un nome alternativo con l’Udc dalla corsa in solitario del governatore (che rischia di far saltare il risultato elettorale), si fa strada un rientro sul nome del presidente. 
«Il presidente Vendola dice che ha molta comprensione per chi ha a cuore le sorti democratiche della nostra regione e sta cercando di allargare la coalizione. Questo - dice il segretario Pd Sergio Blasi - è il più giusto riconoscimento, dopo giorni di polemiche, verso chi è al nostro fianco nella difesa di un progetto riformatore per la Pu glia». Il deputato Pd Gero Grassi, ritiene che «in Puglia si debba ripetere l'esperienza di centrosinistra allargando la coalizione per completare un percorso di crescita sociale, economica e culturale. Credo che Nichi possa essere un buon candidato ed un buon presidente senza ripetere gli errori del passato e senza vivere la solitudine del potere.....

 
Comunicati Stampa / 15.12.2009


FAS: La Puglia è in trepidante attesa
 
Nota del parlamentare pugliese on. Gero Grassi
  
“Il Governo è in netto ritardo nell’approvazione del programma attuativo regionale dei fondi FAS per la Puglia. A parole c’è un forte sentimento meridionalista, nei fatti il Governo “governa” contro gli interessi reali dei cittadini”
Ad affermarlo in una nota è l’on. Gero Grassi Vicepresidente della Commissione Affari Sociali della Camera.
“Se il Governo avesse a cuore il meridione d’Italia, così come afferma il Ministro per i Rapporti con le Regioni Raffele Fitto, dovrebbe spingere al massimo l’acceleratore, bruciare i tempi e mantenere gli impegni presi in merito ai fondi FAS. Un ammodernamento infrastrutturale della Puglia, permetterebbe al tacco d’Italia di mettersi in gioco con maggiore facilità, per quel che riguarda rapporti economici e commerciali con i territori circostanti e non solo......
Comunicati Stampa / 15.12.2009


Nota dell’on. Gero Grassi
Vicepresidente della Commissione Affari Sociali della Camera
 
Torna il Ministero della Salute. Una decisione saggia che ci riempie di gioia e che certamente accoglieranno con entusiasmo tutti gli Italiani.
I migliori auguri di buon lavoro al Ministro  Ferruccio Fazio che oggi ha giurato al Quirinale dinanzi al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
 Da tempo si avvertiva la necessità di un Ministero che si dedicasse unicamente alle problematiche connesse alla Salute dei cittadini.....
Comunicati Stampa / 14.12.2009


Un plauso al giornalismo a servizio del territorio
 
Nota dell’on Gero Grassi 
 Vicepresidente Commissione Affari Sociali della Camera
 
“E’ sempre piacevole apprendere che i pugliesi si sono distinti in concorsi organizzati fuori le mura.”
Con queste parole il parlamentare pugliese on. Gero Grassi commenta la notizia con la quale si apprende che l’emittente televisiva TELEBARI si è aggiudicata il premio “Corecum Umbria” presentando uno speciale dedicato alla festività di San Nicola.
“TELEBARI è da plaudire doppiamente. Il giornalismo di una piccola emittente televisiva pugliese ha dimostrato di essere all’altezza delle aspettative, in un concorso organizzato dalla Regione Umbria. Lo stesso giornalismo ha esportato fede e tradizioni della Puglia.”
“Un incoraggiamento ad andare avanti così all’intera Redazione di TELEBARI che ha saputo coniugare l’esperienza giornalistica alla cultura del nostro territorio.”
 
Rassegna / 13.12.2009

Il Nodo dell’alleanza Casini tira dritto su Emiliano Pd: con Nichi. No, primarie .      Il leader dell’Udc Pierferdinando Casini scioglie la riserva e annuncia che in Puglia è pronto ad appoggiare Emiliano con il Pd, anche se Vendola si presentasse lo stesso. Ma nei Democratici pugliesi continua l’ottovolan - te, tra il capogruppo alla Regione che si dice pronto a tornare su Vendola e il segretario regionale che spinge per le primarie, sconfessate dal leader D’Alema. «Per quel che riguarda la Puglia, ricordo che Emiliano è un sindaco e nella sua giunta c'è l’Udc. Poichè governa bene Bari - dice Casini - credo che potrebbe governare bene la sua regione». Quanto basta per rassicurare il Pd, stretto tra i timori di veder saltare l’alleanza con l’Udc nel caso Vendola non si ritirasse dalla corsa (e dunque rendesse più difficile la vittoria) e la necessità di trovare un altro nome per ingraziarsi i centristi. Il segretario regionale Sergio Blasi dice che «l'appello al dialogo e alla ricerca di una strategia comune fatto dal presidente Vendola è anche il mio appello». Ma poi apre alla possibilità delle primarie, escluse perentoriamente dai leader nazionali: «Se poi emergessero più candidature capaci di interpretare questi valori, sarà nostro dovere chiedere ai cittadini pugliesi di scegliere quel candidato che riterranno più idoneo a rappresentarci alle prossime elezioni». E ancora una volta la rotta sembra diametralmente opposta a quella presa da un altro dalemiano doc, Antonio Maniglio, che sembra virare, in linea col partito nazionale, sulla conferma di Vendola. Il progetto di cambiamento - dice il capogruppo alla Regione - «al di là dell’esito conclusivo del confronto in atto, è personificato dal presidente Vendola». Infine, sempre dal Pd, il deputato Gero Grassi rilancia la candidatura di Vendola, ma avverte: «Credo che, accanto alle rivendicazioni dei successi, debba chiedere scusa al popolo pugliese per i risultati mancati e alle persone   che ha trascurato e deluso».

  [b. mart.]

 

Comunicati Stampa / 12.12.2009

                   
di Gero Grassi
Vicepresidente Commissione Affari Sociali Camera Deputati

Amichevolmente diversi giornalisti mi definiscono "vendoliano". Capisco benissimo il senso della espressione ma ci tengo a sottolineare che sono sempre stato moroteo e da moroteo mi muovo nel PD anche nella vicenda del candidato alla Presidenza della Regione Puglia.
Moro ci ha insegnato che bisogna unire e non dividere. Ci ha educati all'ascolto e alla comprensione delle diversità. Ci diceva che bisognava eliminare l'errore e non l'errante. Ci formava sulla sacralità della persona che nasce prima dello Stato. La mia cultura politica è sempre stata tutta all'interno di un percorso di centrosinistra convinto che l'unione di forze riformiste avrebbe tenuto al centro gli interessi veri degli italiani e consentito uno sviluppo giusto e solidale.....

Comunicati Stampa / 11.12.2009

 
Lo afferma in una nota il parlamentare pugliese on. Gero Grassi
Può apparire strumentale dirlo oggi, ma io l'ho sempre sostenuto....e non da solo. Quindi lo affermo a prescindere da vicende particolari. Etica in politica è anche ricoprire un solo incarico e candidarsi al secondo dopo aver compiuto interamente il dovere derivante dalla elezione nel primo. Sindaci-Parlamentari, Sindaci-Presidenti di Provincia, Sindaci-Segretari Regionali. Grandissimo errore per il rispetto dovuto ai cittadini e per il limitato tempo a disposizione che ognuno può e deve mettere nell'espletamento del proprio mandato.
Il Consiglio regionale Puglia ha discusso, rinviando al 19 gennaio, la opportunità di consentire ai Sindaci di candidarsi alle regionali senza doversi dimettere. Spero che il Consiglio non cambi la legge elettorale nell'interesse dei cittadini che hanno il diritto di essere amministrati a tempo pieno. Mi adopererò, sopratutto, che sia approvata una legge che sancisca definitivamente la ineleggibilità, a qualsiasi incarico istituzionale, di chi già ne ricopre uno.
Avvicinare alla politica ed alle Istituzioni i cittadini è dovere della classe politica che approvando leggi di questo tipo sancisce solo gli interessi di alcuni rappresentanti.