Articoli

Comunicati Stampa / 21.06.2010

Nota dell’on. Gero Grassi Parlamentare pugliese PD
Il 21 giugno 2010 è una data destinata ad entrare nella storia della Regione Puglia.
Oggi in via Gentile, 8 presso l’ex Centro Servizi del Ministero delle Finanze a Bari, alla presenza del Presidente della Regione Nichi Vendola, dell’Assessore regionale alle Opere Pubbliche Fabiano Amati e del Vescovo Mons. Cacucci, si è proceduto alla posa e benedizione della prima pietra, per la costruzione della nuova sede della Regione Puglia.
Da cittadino pugliese, da dipendente regionale e da Parlamentare pugliese sono felicissimo che ciò è accaduto, anche se registro un ritardo quarantennale, rispetto alle esigenze e necessità della più importante Istituzione di Puglia.
L’augurio è certamente quello che alla posa della prima pietra, segua un lavoro celere e costante per la realizzazione di una struttura, che sia quanto prima fruibile ed efficiente....
Comunicati Stampa / 21.06.2010

Nota dell’on. Gero Grassi: Vicepresidente Commissione Affari Sciali Camera dei Deputati
Entro la metà di luglio dovrà esser pronto il Piano sanitario pugliese, finalizzato ad un risparmio annuo di 100 milioni di euro, per i prossimi tre anni. 
Non vi è alternativa. Rinviare i problemi, come spesso accade, serve solo a peggiorarli.
Può apparire una considerazione dura e spietata, ma così non è. Volendo usare un parallelismo medico, il chirurgo se vede un arto in cancrena, preferisce amputarlo e salvare la vita al paziente.Bene, la sanità pugliese è il paziente e la classe politica che oggi la amministra è il medico, che ha la responsabilità di trovare la cura più idonea. La ricetta prescritta prevede un taglio di circa mille posti letto, quanto ai tiket sono allo studio possibili variazioni, se solo si renderà necessario. Non esistono cure indolore e non esistono terapie prive di costi. Esiste certamente la possibilità di intervenire per tempo ed evitare che la malattia peggiori, richiedendo terapie più dolorose.
 
Comunicati Stampa / 21.06.2010

Nota dell’on. Gero Grassi – Vicepresidente Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati
 
Quando ci sono sacrifici da fare un buon padre di famiglia tutela i figli più deboli.
Mettere i conti a posto è una necessità, ma questo non può coincidere con tagli pesanti da infliggere sui servizi di sostegno alle persone con disabilità.
Il Governo di Centrodestra ha il dovere di dare una risposta chiara ai malati di SLA, che chiedono la definizione dei Livelli Essenziali di Assistenza e l'aggiornamento del nomenclatore tariffario delle protesi e degli ausili. Ha altresì la responsabilità di escludere dai tagli che riguardano la sanità, tutte quelle persone che vivono  situazioni di profondo disagio, causato da disabilità.
La persona deve essere sempre al centro dell’azione politica. Non si può fare aritmetica a tavolino, prescindendo dalle necessità dei cittadini più bisognosi.
Gli sprechi vanno evitati, ma il conto non può essere pagato da chi già paga, penalizzato da una condizione di oggettiva debolezza.
Comunicati Stampa / 20.06.2010

Nota dell’on. Gero Grassi Parlamentare PD
 
La Manifestazione del Pd, tenutasi ieri a Roma, i cui contenuti contro le scelte che il Governo Berlusconi ha operato sulla Manovra economica da tempo avevamo proposto, è certamente da condividere nel merito.
Noi di Area Democratica poniamo altri interrogativi: perché mancavano gli artigiani, i piccoli commercianti ed i piccoli imprenditori, i coldiretti, i professionisti del ceto medio, i rappresentanti del mondo sindacale riconducibili alla CISL e alla UIL?
Evidentemente se mancano, la colpa non è loro. Non si sentono coinvolti o rappresentati.
Per certi versi, nella forma, la manifestazione di ieri è sembrata quella di un partito intenzionato a gestire l’opposizione ed una parte dell’Italia....