Articoli

Comunicati Stampa / 23.07.2010

Il parlamentare e il consigliere regionale del Partito Democratico concordi nello stigmatizzare la sentenza della Consulta che non impone il carcere preventivo per gli indagati di reati sessuali.
 “Siamo sconcertati dalla decisione della Corte Costituzionale di non punire con il carcere preventivo gli indagati per reati sessuali, anche ove sussistano gravi indizi di colpevolezza”. Non usano mezzi termini Gero Grassi, parlamentare del Partito Democratico, e Ruggiero Mennea, consigliere regionale del PD, sulla sentenza odierna della Corte Costituzionale, che ha bocciato una norma, prevista in un decreto legge approvato lo scorso anno, che imponeva il carcere per i sospettati di delitti di violenza sessuale, atti sessuali con minorenni e prostituzione minorile.....
Comunicati Stampa / 23.07.2010

Nota dell’On.Gero Grassi – Vicepresidente Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati
I Ministeri dell’Economia e della Salute non concedono ancora il via libera al Piano di rientro sanitario per la Puglia. Non esprimono parere negativo ma impongono un “dictat” che può mettere a rischio la stabilità economica di moltissime famiglie pugliesi.
Il Governo chiede di sospendere l’internalizzazione di oltre cinquemila lavoratori ausiliari. Si tratta di congelare la procedura che consente l’assunzione (in società pubbliche regionali) di personale dipendente di ditte esterne....
Comunicati Stampa / 23.07.2010

 
Nota dell’on. Gero Grassi Vicepresidente Commissione Affari Sociali camera dei Deputati
Gli agricoltori quest’oggi protestano a Bari.
Si tratta di una manifestazione che mette insieme migliaia di lavoratori provenienti da Basilicata, Campania, Puglia, Calabria,Molise, Sicilia e Sardegna, guidati dal Presidente nazionale della Coldiretti Sergio Marini.
Sul tavolo della discussione: le multe sulle quote latte e l’aumento insostenibile dei contributi a carico del datore di lavoro.
Ancora un settore della economia del Paese messo in ginocchio dalla manovra finanziaria del Governo, che da un lato non tocca i poteri forti, come banche e grossi gruppi industriali e dall’altro chiede sacrifici enormi a piccole imprese e lavoratori dipendenti....