Articoli

Comunicati Stampa / 29.04.2011

Amministrative e Provinciali per far ripartire la politica della gente

 Nota dell’on. Gero Grassi – Vicepresidente Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati

Mancano ormai poche settimane al voto per le Amministrative e le Provinciali.
Il Centrodestra continua a dire che il risultato non è da correlarsi all’azione di Governo presente e futura, ma teme il risultato.
Come nel gioco delle carte si opta per la confusione, quando non v’è certezza della vincita, allo stesso modo il Centrodestra lancia messaggi di vario genere, per disorientare elettori ed elettrici.
La Lega fa la voce grossa e a suon di ammonizioni e ‘minacce’, tiene alta la tensione, per catturare l’attenzione del suo elettorato....

Comunicati Stampa / 29.04.2011

 
di Gero Grassi
La legge sul Testamento Biologico è una legge sulla quale non possiamo attardarci, perché i cittadini chiedono con insistenza che si faccia chiarezza su una materia delicatissima ed aperta a variegate interpretazioni. Non possiamo partorire una legge frettolosa che manca di contemplare le attese etico-morali, strettamente connesse alla materia in oggetto.
L’articolo 32 della Costituzione Italiana recita: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.....   
Comunicati Stampa / 28.04.2011

Nota dell’on. Gero Grassi – Vicepresidente Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati.
 
 
La segreteria provinciale dello Spi–Cgil di Brindisi ha sollevato una questione importantissima che riguarda l’intera regione.
Alla chiusura di 18 ospedali in Puglia e ai tagli della spesa sanitaria, deve seguire, necessariamente, un potenziamento della medicina territoriale, con la nascita di ‘case della salute’. Differentemente avremo soltanto privato i cittadini di diritti acquisiti nel tempo.
In sanità esistono forti squilibri fra Nord e Sud. Le disomogeneità e le disarmonie esistenti in una stessa area geografica, sono sotto gli occhi di tutti, ma non possono essere i cittadini bisognosi di cure a farne le spese.....