Comunicati Stampa

Comunicati Stampa / 24.10.2009

Appello al voto dell’on. Gero Grassi, Vice responsabile nazionale dell'Organizzazione PD.
 
“In politica bisogna crederci, bisogna essere in tanti, la partecipazione è un valore per se stessi e per gli altri. Domenica 25 ottobre dalle 7,00 alle 20,00 recatevi nei seggi allestiti dal Partito Democratico e votate per le Primarie. Scegliete voi il segretario che può traghettare il Partito verso il futuro, non delegate ad altri una scelta così importante”.
E’ chiaro il messaggio che l’on. Gero Grassi, Vice responsabile nazionale dell'Organizzazione PD, affida a questa nota. Partecipare e decidere in prima persona. Non rinunciare al proprio di diritto di voto, di scelta.
“Non è esaltante per nessuno essere semplicemente spettatori di uno spettacolo deciso ed interpretato da altri. E’ emozionante vivere da “attori” e da “protagonisti” per poter raccontare un giorno ai propri figli, io c’ero e ho deciso.”....
Comunicati Stampa / 23.10.2009

 Il Partito lo ha indicato come “Supervisore” a Napoli e provincia.
L’onorevole pugliese PD Gero Grassi, Vice responsabile nazionale dell'Organizzazione PD, vivrà le “Primarie” in territorio campano.
La Commissione Nazionale per il Congresso, presieduta dall'on. Maurizio Migliavacca, lo ha indicato come “Supervisore” a Napoli e provincia al fine di favorire il percorso delle primarie.
Non voterà dunque nel suo comune di origine Terlizzi (Bari), ma a Castellamare di Stabia, città nella quale venne barbaramente ucciso il consigliere comunale PD Luigi Tommasino, già segretario cittadino della Margherita. Voterà in una città dove maggiore deve essere l'attenzione dello Stato per consentire che la legalità prevalga sempre.
 “Ho accettato con entusiasmo di vivere le Primarie in Campania, certo che tutto si svolgerà nella piena legalità, nel rispetto delle persone e della diversità di idee, che da sempre considero fonte di arricchimento sociale, culturale e politico.”
 
Comunicati Stampa / 16.10.2009

L’on. Gero Grassi propone il potenziamento delle Poste

“Un’idea per dimostrare che questo Governo tiene al sud ci voleva e doveva essere anche di forte impatto per raccogliere consenso. Così nasce la proposta della Banca del Mezzogiorno.
Tutto positivo se l’obiettivo fosse intervenire concretamente per ridare linfa alle imprese e alla gente del sud, ma il rischio è quello che si tratti del solito spot elettorale, che trascinerà la discussione per tempi lunghissimi, tenendo l’attenzione di tutti e non solo quella, sospesa”. 
 Ad affermarlo in una nota è l’on. Gero Grassi che ribadisce: “Servono interventi in favore delle imprese, del commercio, dello sviluppo del territorio e delle famiglie, che non prevedano tempi biblici. Meglio sarebbe quindi, potenziare gli Uffici Postali......
Comunicati Stampa / 15.10.2009

 
L’on. Gero Grassi accoglie con entusiasmo l’idea
 
La città di Bari sta accarezzando l’idea di proporre la propria candidatura alle olimpiadi 2020.
Lo ha annunciato l'assessore comunale allo sport, Elio Sannicandro, che invita tutte le Istituzioni locali a unirsi per raggiungere l'obiettivo.
Accoglie con entusiasmo l’invito il parlamentare pugliese on. Gero Grassi, che spiega in una nota: “l’iniziativa è lodevole perché ha l’ambizione di rilanciare il nostro Capoluogo, con una ricaduta in termini di immagine, sviluppo economico e culturale, senza precedenti”....
Comunicati Stampa / 19.06.2009

Alla cortese attenzione
di Ezio Mauro
Direttore La Repubblica
 
 
 
Egregio Direttore,
sia pur con le regole del condizionale e lo stile del “punta di penna”, in un articolo odierno sui “ricchi” risvolti della famosa indagine barese ritrovo esposto il mio nome.
Proseguendo nella lettura con ragionevole speranza d’ottenere ulteriori precisazioni, anche per escludere l’ipotesi d’esposizione inutile al pubblico ludibrio, la mia curiosità è risultata purtroppo inappagata.
Allo stato risulterei semplicemente “contenuto” nell’indagine, a merito (e sottolineo merito senza ironia) di intercettazioni telefoniche, il cui contenuto è conosciuto (mi pare di capire) per delazione orale.
Tutto qui!
Mentre ciò accade, tutti, cioè la mia famiglia, i mie amici, i dirigenti ed i militanti del mio partito, l’opinione pubblica e ovviamente i giornalisti che hanno scritto l’articolo (altrimenti avrebbero aggiunto qualche particolare), sono in grado di poter dire tutto e il contrario di tutto.
Potrebbero dire che ho partecipato ai festini (presunti) di Berlusconi come potrebbero rassicurare sul fatto che il mio tempo libero è ritagliato solo per la partecipazione alla Santa Messa; potrebbero affermare che sono un maniacale consumatore di sostanze stupefacenti per ricchi e viziati signori, come potrebbero giurare che l’unico ed esagerato vizio che ho è quello delle dannate sigarette: potrebbero dipingermi come un “mariuolo” che scambia poteri pubblici con mazzette come potrebbero ridurmi ad un “cazzone” che spende tutto ciò che guadagna, senza mettere nulla da parte, per dare organizzazione e sostegno ai tanti che in ogni Città della Regione condividono la stessa passione: la politica.
Insomma, caro Direttore, l’articolo mi espone al tutto che notoriamente è parente del niente, facendomi invidiare alcuni ed autorevoli coinvolti che oggi possono almeno sapere che c’è una Patrizia D’Addario qualsiasi che ha raccontato qualcosa sul proprio conto, ed eventualmente difendersi.
Mentre penso e scrivo tutto questo la mente corre in avanti, al giorno in cui probabilmente si saprà che il mio nome è “contenuto” nell’indagine perché altri hanno parlato di me (e come impedirlo?), e ciò purtroppo accadrà senza l’onore dello stesso clamore, e che tali altri non li conoscevo o se li ho conosciuti, la “straordinaria” familiarità si limitava al buongiorno e buonasera, come si dice dalle mie parti.
Andrà così, la prego di credermi, invitandola ad accettare la delega a depositare le mie dimissioni alla Presidenza della Camera dei Deputati qualora altro e decisamente diverso da questo dovesse emergere.
Nel frattempo la prego di accettare la mia amarezza, quella che mi fa pensare che forse (ma non voglio insegnare il mestiere ad alcuno) la semplice citazione del mio nome, senza uno straccio di dettaglio, forse anche la supposizione di una vaghissima conoscenza con qualcuno più implicato, poteva e doveva essere evitata.
Ero intenzionato a presentare una querela per diffamazione, ma per ora ho desistito: il mio avvocato mi riferisce che l’uso accorto del condizionale (“sarebbero”) e la punta di penna rendono incerto l’esito della Giustizia che vendica il mio onore ferito: se ciò è vero la prego di tener conto che alla sua gratificazione per la professionalità dei suoi giornalisti nell’evitare guai, corrisponde la sofferenza della mia famiglia e dei tanti miei amici, che in queste ore ben potrebbero dubitare di me.
Reagisco con questa semplice lettera. In questo momento è tutto ciò che posso. La invito a pubblicarla integralmente ed a farne ciò che vuole; non ambisco alle sue scuse ma la prego solo di evitare sermoni sui doveri dell’informazione, scegliendo eventualmente di rivolgermi anche meno di dieci domande, alle quali sarò felice di rispondere con inusuale premura, senza farla ricorrere ad iniziative di giusta petulanza come la sorte le sta esigendo in queste settimane.
Con stima.
Bari, 19/06/2009
On. Gero Grassi
 
 
 
 
 
P.S. Anche io pratico giornalismo, essendo da anni un Iscritto all’Ordine dei Pubblicisti.
 
Comunicati Stampa / 27.04.2009

                          
 
BUON 1° MAGGIO
 
 
“L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.” (art. 1 della Costituzione Italiana)
La Costituzione Italiana esordisce riconoscendo ai cittadini l’importanza del lavoro come strumento di realizzazione e crescita umana.
Un diritto inviolabile che ogni cittadino deve svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta. Un contributo alla crescita della Persona e del Paese.
Un diritto che viene giustamente difeso e salvaguardato dai Sindacati.
Ritengo sia giunto il momento di promuovere l’unità sindacale tra CGIL, CISL e UIL perché insieme si è più compatti e perché il diritto al lavoro non può avere punti di vista diversi ma dovrebbe essere al di sopra di ogni interpretazione e tutelato ad ampio raggio.
Il 1° Maggio rappresenta un traguardo che nel tempo è stato raggiunto faticosamente, pertanto auguro a tutti i lavoratori una crescita significativa e ricordo che uniti si cresce.
 
On. Gero Grassi
Deputato PD
Vicepresidente Commissione Affari Sociali
Comunicati Stampa / 14.02.2009

Testamento Biologico. Bianchi e Grassi (PD): colmare vuoto Legge Roma, 14 Febbraio. - "Il Pd è impegnato affinchè la legge sulla dichiarazione anticipata di trattamento venga approvata quanto prima, tenendo al centro le esigenze reali dei cittadini italiani e considerando l'integrità e la dignità...

Comunicati Stampa / 13.02.2009

SPORCHI CATTOLICI

A noi giovani Dc, negli anni 70, Aldo Moro insegnò che bisognava lavorare per eliminare la CONVENTIO AD EXCLUDENDUM verso i comunisti. Ora non possiamo subirla perchè cattolici". Lo afferma l'on. Gero Grassi Vice Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati.
"Non esiste un primato della ragione - continua l'on. Grassi - nè per i cattolici nè per i laici.
La indicazione della Senatrice Dorina Bianchi come capogruppo alla Commissione Igiene e Sanità del Senato è del Pd e va rispettata. Forse andava fatta prima perchè il Pd è ol partito che non giustifica doppi incarichi".
Comunicati Stampa / 13.02.2009

A noi giovani Dc, negli anni 70, Aldo Moro insegnò che bisognava lavorare per eliminare la CONVENTIO AD EXCLUDENDUM verso i comunisti. Ora non possiamo subirla perchè cattolici". Lo afferma l'on. Gero Grassi Vice Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati. "Non esiste...