Our Latest Accomplishments

Nota dell’on. Gero Grassi – Parlamentare del Partito Democratico
 La Lega è bifronte. A Roma governa e gestisce potere nella maniera più spregiudicata possibile, al Nord parla di Roma 'ladrona'.
La Lega non è la faccia rassicurante di Roberto Maroni, ma quella di coloro i quali, e sono tantissimi, continuano a porre una questione settentrionale in termini di egoismo e di separazione a fronte di un Mezzogiorno, che dall''Unità d'Italia reclama diritti e subisce penalizzazioni.
Un dato per tutti: la Rete Ferroviaria attuale del Mezzogiorno è inferiore a quella che lo stesso Mezzogiorno aveva subito dopo la Seconda Guerra Mondiale. Questo dato dimostra che, condannati i vizi meridionali, comunissimi in ogni parte d'Italia, sancito che il Mezzogiorno non vuole assistenzialismo e che dispone di intelligenze produttive, sociali, culturali e politiche, come ogni parte d'Italia, il problema non è meridionale.
 

Nota dell’on. Gero Grassi – Parlamentare pugliese PD
 
Il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, è stato ieri in delegazione, con un gruppo di Presidenti di Regione, all’incontro con i Ministri Tremonti, Calderoli e Fitto. In quella sede ha difeso gli interessi della Puglia ed ha espresso parere negativo in merito alla manovra del Governo, assai penalizzante per le regioni del Mezzogiorno.
Il Ministro Tremonti ed il Presidente Vendola sono entrati in una evidente competizione, avvallando tesi che li vorrebbero concorrenti nelle elezioni politiche del 2013, l’uno per il Centrodestra e l’altro per il Centrosinistra.
Entrambi affermano che questo non risponde a verità ma ci pensano, forse da tanto. 
Vendola dopo la riunione con i Ministri, è andato in piazza per la manifestazione organizzata da Sinistra, Ecologia e Libertà, informando i cittadini su quanto il Governo di Centrodestra sta perpetrando ai danni dello stato sociale del Paese, facendo un comizio dal sapore elettorale....

Nota dell’on. Gero Grassi – Vicepresidente Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati.
 
La Manovra finanziaria mette in ginocchio tutte le regioni d’Italia.
Pesanti i tagli già inferti al sistema dei servizi sociali pugliesi.
Dal 2011 verrà azzerato il Fondo per le Non Autosufficienze, che per la Puglia significa un taglio netto di 25 milioni di euro annui e riduce a briciole il Fondo Nazionale delle Politiche Sociali, con una perdita netta per la Puglia tra il 2007 e il 2011 di quasi 50 milioni di euro.
L’inevitabile taglio perpetrato ai Comuni, avrà effetti devastanti sulla capacità degli Enti locali di continuare ad assicurare il trasporto pubblico locale o i servizi scolastici come mense, trasporto con bus, integrazione scolastica dei disabili....